I protagonisti di Nascetta Story: STRA Azienda Agricola

STRA_VIGNA SCARSURE
Roberto e la sua “bici” da vigna

A Novello c’è una piccola borgata, i Ciocchini, dove una stradina scende dolcemente circondata dalle vigne. È in questa piccola frazione che Franco Marenco fece assaggiare la sua Nascetta dell’86 ad Armando Gambera ed Elvio Cogno. Ai Ciocchini c’è l’azienda agricola Stra, cinque generazioni di vignaioli. Roberto, Maresa e Paolo hanno una foresteria e intorno alla cascina i loro vigneti. Quando si arriva nel cortile si entra in un piccolo mondo dove sorriso e gentilezza sono la prima cosa che si nota. Pochi passi e ti accorgi che sei in un posto completamente diverso dal resto della Langa del Barolo. Non si è su un bricco o una collina, qui i vigneti ce li hai intorno, come se ne fossi immerso ed è per questo che qui dagli Stra arrivano dalla Svizzera, Germania, per non parlare di Giappone e Alaska. E la Nascetta ormai fa parte della famiglia. Poche bottiglie, 1500, un nuovo vigneto che raddoppierà la produzione tra qualche anno, l’ entusiasmo di coltivare la terra cosa se fosse la cosa più semplice del mondo.

Le bottiglie Stra non le troverete in giro per ristoranti o enoteche. Se ne volete assaggiare una bisogna andare ai Ciocchini di Novello e passare un po’ di tempo con Roberto e Maresa e con loro si può capire qualcosa in più di Langa, vino e cultura contadina. Il problema sarà trovare una scusa per tornare a casa, alla propria vita, dopo essere stati immersi tra le vigne di Langa.

STRA PISCINA VIGNE
Il paesaggio dell’azienda agricola Stra
stra-nascetta
dal blog Living in the Langhe
Annunci

I protagonisti di Nascetta Story: LE STRETTE

NAS-CETTA VIGNA PEZZOLE
Vigne di Nascetta in Bergera-Pezzole a Novello

La rinascita della Nascetta, nei primi anni ’90 oltre che da Elvio Cogno, passa anche dai fratelli Daniele, enologi prima, viticoltori successivamente. Savio conosce per la prima volta la Nascetta quando ancora frequenta la scuola enologica di Alba. Ha la fortuna di avere come professore Carlo Arnulfo che, sul finire degli anni ’80, porta i suoi studenti alla scoperta di questo strano vitigno bianco autoctono. Evidentemente è destino perché gli anni passano ma il caso vuole che sua moglie, novellese, sia parente stretta di quel Franco Marenco che la Nascetta continuava a coltivarla e vinificarla in purezza, da sempre, lui con pochissimi altri viticoltori di Novello.

In un pomeriggio di una domenica qualsiasi Franco fa assaggiare la sua Nascetta a Savio, rigorosamente dolce, accompagnata da biscotti di meliga come vuole l’usanza. Sono i primi anni ’90 e la cantina Le Strette dei fratelli Daniele non esiste ancora ma il progetto c’è ed è concreto. E la scoperta di questo straordinario vitigno dà un ulteriore impulso ai due fratelli per cominciare una straordinaria avventura.

E così di anno in anno cominciano le sperimentazioni sulla vinificazione di Nascetta, prima in piccolissimi quantitativi, una damigiana o poco più, poi qualche centinaio di bottiglie fino ad oggi dove la produzione è salita a più di 3000 bottiglie. Savio e Mauro, nella loro sala degustazione hanno incorniciato in un unico quadro le 7 etichette di Nascetta, dalla primissima primordiale a quella attuale, a testimoniare un percorso lungo, spesso faticoso, in vigna, in cantina ma anche nell’intricata burocrazia per dare il giusto valore ad un vitigno che oggi è catalogato anche grazie alla volontà dei Daniele.

nascetta le strette
da tigulliovino.it
CHIARA PRATO CON SAVIO E MAURO DANIELE
Mauro e Savio Daniele con Chiara Prato, giornalista Rai del Tg2