RACCONTIAMO IL VINO COMINCIANDO DALL’UOMO

BRUNO ROGGIA BARBATELLE

É l’unico modo che abbiamo imparato e che difendiamo: quello che esce da una bottiglia di vino non è alchimia o strane diavolerie da “piccolo chimico”. Mario Soldati ce lo ricorda in ogni singola pagina da lui scritta, prima di tutto c’è il contadino e la sua terra, è da li che parte tutto. La scoperta di qualche giorno fa di semi di vite di epoca nuragica (http://www.repubblica.it/salute/alimentazione/2015/01/29/news/vino_scoperto_in_sardegna_il_pi_antico_vitigno_del_mediterraneo-105918935/?ref=HREC1-26), quindi di circa 3mila anni fa, è uno degli esempi di come il rapporto tra uomo e vite sia così visceralmente incatenato, forse alla pari di quello che c’è tra l’uomo e il cane.

E per raccontare tutto ciò non ci resta altro che cambiarci scarpe e pantaloni, scendere in vigna e seguire come un’ombra il contadino che padroneggia il suo mestiere come il pittore fa con la tela. L’incipit di “Signori del vino” (http://www.rai.tv/dl/replaytv/replaytv.html?day=2015-01-31&ch=2&v=472143&vd=2015-01-31&vc=2#day=2015-01-31&ch=2&v=472143&vd=2015-01-31&vc=2) , il programma di Rai2 del Direttore Masi, procede in linea con il nostro pensiero (più o meno). Gaja che fa “assaggiare” la terra dei suoi vigneti ai due narratori poteva essere una buona cosa. Ma poi Simonit viene relegato in un cantuccio con la sua piccozza e liquidato in 30 secondi e sono quasi certo che lo spettatore abbia capito che Marco Simonit sia più che altro una specie di “Mario Tozzi” e da lì tutto si va perdendo. Certo, in 28 minuti (tanto dura il programma) non si può pretendere molto e per questo che non vado oltre nei commenti.

Ma lasciatemi vantare della nostra piccola “Nascetta Story” perché, per raccontare la resurrezione di un vitigno, abbiamo viaggiato per le vigne di Langa per 12 mesi, parlato con il produttore famoso come con il contadino anziano e forse, quando a giugno uscirà il documentario, potremo vantarci di aver raccontato una piccola ma bella storia di contadini vignaioli della Langa del Barolo.

Annunci

One thought on “RACCONTIAMO IL VINO COMINCIANDO DALL’UOMO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...